Tricotin: guida completa – tutto quello che devi sapere


Sei qui Home » Hobby Creativi » Tricotin » Tricotin: guida completa – tutto quello che devi sapere

In questa guida completa sul tricotin vi svelerò tutte le informazioni utili da sapere sia che conosciate già questo hobby, sia che siate principianti.

Infatti nel tutorial di oggi scopriremo:

  • come si usa il tricotin manuale
  • come funziona il tricotin a manovella
  • le differenze fra tricotin manuale e a manovella
  • perché saltano i punti con il tricotin e cosa fare per evitarlo
  • come fare un tubolare bicolore con il tricotin
  • come nascondere il filo
  • come tagliare e affrancare un pezzo di tubolare
  • come realizzare progetti con il fil di ferro

oltre a tutte le risposte e i piccoli segreti su come tricottare.

Inoltre in fondo al post trovate il video tutorial nel quale vi mostro come usare sia il tricotin manuale che quello a manovella.

In breve: se volete imparare a realizzare dei lavori bellissimi e duraturi con il tricotin amerete questa guida. Partiamo!

Tricotin, le basi: cos’è, come si usa

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Iscriviti alla newsletter

Riceverai solo la newsletter! Lo spam non piace neanche a me.

E poi, puoi annullare l’iscrizione quando vuoi.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d’uso

[I link Amazon eventualmente presenti sono affiliati. Un piccolo guadagno per me senza alcun rincaro per voi!]

Cosa è il tricotin?

Il tricotin è uno strumento che permette di realizzare facilmente dei lunghi tubolari di filo di lana o cotone. Viene chiamato in diversi modi, fra i quali quelli più popolari sono tricottino, mulinetto e caterinetta. Con i tubolari ottenuti si possono creare tantissimi progetti. Ad esempio si possono realizzare le scritte ma anche tanti lavoretti da fare con i bambini per le ricorrenze.

Quanti tipi di tricotin esistono?

Ci sono due tipi di tricotin: quello manuale e quello a manovella.

Il tricotin manuale è costituito da un cilindro sormontato da 4 archi di metallo che si usano per formare le maglie insieme a un ago. Esistono anche versioni di tricotin con 6 ganci, che permettono di realizzare tubolari con diametro leggermente maggiore.

Tricotin manuale
Tricotin manuale a 6 ganci

Tricotin manuale

Il tricotin a manovella invece è un cilindro sormontato da 4 uncini. La creazione del tubolare avviene girando la manovella. Ne esistono due versioni: quello da impugnare e quello, molto comodo, da fissare al tavolo.

Tricotin a manovella

Tricotin a manovella da tavolo

Tricotin manuale o a manovella: quale scegliere?

Nonostante la lavorazione che si ottiene sia la medesima, ci sono pro e contro sia per quanto riguarda l’utilizzo del tricotin manuale che quello a manovella.

Pro e contro del tricotin manuale

I pro del tricotin manuale sono:

  • estrema facilità di utilizzo, che lo rendono adatto anche per essere usato dai bambini per tanti bellissimi lavoretti,
  • possibilità di usare fili di lana texturizzata,
  • maggior controllo sulle maglie: il rischio che saltino i punti è quasi nullo

Per contro, la lavorazione è molto lenta.

Pro e contro del tricotin a manovella

I pro del tricotin a manovella sono:

  • velocità: si possono creare tubolari molto lunghi in molto meno tempo rispetto al tricotin manuale

Per contro però:

  • è un po’ più complicato da usare, soprattutto agli inizi, per quanto riguarda l’avvio del lavoro
  • saltano più facilmente i punti se non si presta sufficiente attenzione durante la lavorazione

Quale filo usare con il tricotin?

Per lavorare con il tricotin lo spessore ideale del filo corrisponde a una lavorazione con ferri da maglia o uncinetto 3-3,5. Il range di spessore entro cui stare in realtà varia: c’è chi dice che vanno bene fili da 2,5 a 5, e chi dice da 2,5 a 4. Per capire la resa di un filato non ci resta che provare con quelli che abbiamo e vedere il risultato.

In ogni caso, maggiore è lo spessore più serrato e consistente risulterà il tubolare. Per questo motivo vi consiglio di usare filati almeno del 3,5-4 nel caso in cui il tubolare tricotin vi serva per progetti con il fil di ferro. Infatti con filati più fini il fil di ferro rischia di vedersi, è più difficile da infilare nel tubolare perché passa fra i punti e si sfila con più facilità dalle estremità nonostante sia piegato ad uncino. Infine è sempre meglio evitare di usare fili che si sfilacciano.

Cosa fare se il filo È troppo fine?

Può succedere che ci piaccia tantissimo un filato, ma che il filo sia troppo fine. Come possiamo fare per usarlo ugualmente?

Possiamo raddoppiarlo: prendiamo l’estremità del filo esterna al gomitolo e l’estremità che si trova all’interno e uniamole per usarle come se fosse un solo filo spesso. Possiamo usare questo trucchetto per creare dei tubolari originali con due fili di colori differenti.

Oppure possiamo impreziosire il nostro lavoro usando fili argentati o dorati.

Come si usa il tricotin manuale

Scopriamo come usare il tricotin manuale, perfetto per creare tubolari con moltissimi tipi di filo, anche texturizzati.

Per prima cosa infiliamo il filo all’interno del cilindro facendolo sporgere da sotto per circa 10 cm.

Tenendo ferma l’estremità che sporge da sotto, avvolgiamo il filo attorno a uno degli archi facendolo passare da sinistra verso destra. Riportiamo il filo verso sinistra per avvolgerlo attorno all’arco successivo.

Ora passiamo il filo davanti al primo archetto e aiutiamoci con lo spillone a creare la maglia, accavallando il filo del primo giro su quello del secondo.

Ripetiamo tutti i passaggi fino a ottenere la lunghezza desiderata (se non è chiaro guardate tutti i passaggi nel video tutorial).

Come si usa il tricotin a manovella

Ora passiamo a vedere come usare il tricotin PRYM a manovella, adatto in particolar modo per creare tubolari molto lunghi in poco tempo.

Per prima cosa infiliamo il filo nel cilindro centrale, facendolo sporgere da sotto per circa 10-15 cm.

Agganciamo il peso al filo e appoggiamolo sul tavolo. Infatti per il momento non deve tirare il filo.

Ora facciamo passare il filo nell’incavo e nelle guide sul fianco sinistro del tricotin.

Prima di avviare il lavoro assicuriamoci che tutti gli uncini siano aperti.

Iniziamo a girare la manovella e agganciamo il filo con il primo uncino. Saltiamo il secondo, agganciamo il filo con il terzo, saltiamo il quarto.

Ora possiamo iniziare la lavorazione agganciando il filo con tutti gli uncini. Soprattutto all’inizio giriamo la manovella lentamente. Dopo un paio di giri facciamo pendere il peso sotto al lavoro.

Come lavorare tubolari molto lunghi con il tricotin?

Mano a mano che il tubolare si allunga e il peso arriva a toccare terra, avvolgiamolo in un gomitolo.

Perché saltano i punti del tricotin?

Ci sono diversi motivi per i quali saltano i punti del tricotin.

Ad esempio, i punti saltano quando l’uncino che deve agganciare il filo in quel momento anziché essere aperto è chiuso. Perciò il punto non si completa e salta. Di solito questo succede quando giriamo la manovella troppo velocemente o quando usiamo un filo che non è adatto perché troppo spesso, troppo fine o si divide.

Un altro caso in cui saltano i punti del tricotin è quando un uncino non riesce a completare il punto.

Ve ne accorgete perché sull’uncino rimangono due fili anziché uno. Infatti vedremo sia il punto del giro precedente (filo sotto) che il filo del punto incompiuto del giro attuale (filo sopra).

Questo può succedere se stiamo tenendo il filo troppo tirato, oppure se il filato non è abbastanza “scivoloso“.

In questo caso aiutiamoci con un uncinetto a completare il punto e riprendiamo il lavoro (potete vedere più chiaramente i passaggi nel video tutorial).

Come fermare le estremità e chiudere il lavoro

Come sganciare il tubolare dal tricotin

Staccare il tubolare dal tricotin è davvero molto semplice.

Dopo aver raggiunto la lunghezza desiderata per il tubolare giriamo la manovella al contrario (quindi verso di noi) per sfilare le maglie dai quattro uncini.

Come chiudere e affrancare un tubolare

Per affrancare il filo di un tubolare è sempre meglio avere almeno 10-15 cm di filo disponibile. Ci sono due metodi per chiudere un tubolare: usando un ago da lana oppure con l’uncinetto.

Kit uncinetti

come chiudere un tubolare tricotin con l’ago

Infiliamo il filo in un ago da lana, poi passiamo l’ago in tutti i punti e tiriamo il filo per stringere. Passiamo l’ago sotto i punti, infine facciamo un nodo (potete vedere meglio i passaggi nel video tutorial).

come chiudere un tubolare tricotin con l’uncinetto

Infiliamo tutti e quattro i punti con l’uncinetto. Poi chiudiamo tutti i punti insieme con una maglia bassissima. Facciamo una seconda maglia bassissima per affrancare il lavoro (potete vedere meglio i passaggi nel video tutorial).

Come tagliare un pezzo di tubolare e affrancarlo

Ecco come affrancare le creazioni realizzate e/o i tubolari tricotin, nel caso in cui ce ne serva un pezzo di una determinata lunghezza che dobbiamo tagliare da un tubolare più lungo.

Misuriamo la lunghezza di tubolare che ci serve e aggiungiamo 2-3 cm, poi tagliamolo.

Sfiliamo il filo per un paio di centimetri, poi chiudiamolo con ago o uncinetto.

come nascondere il filo nel tubolare tricotin

Per nascondere il filo, infiliamolo nel tubolare usando un ago.

Come fare un tubolare bicolore con il tricotin

Tubolare tricotin bicolore

Ora vediamo come cucire due tubolari fra loro.

Infiliamo sullo stesso fil di ferro i due tubolari che vogliamo unire.

Avviciniamoli in modo che i punti dei due colori siano alternati.

Infiliamo il filo di uno dei tubolari in un ago da lana.

Infiliamo i punti in modo alternato, poi tiriamo bene il filo.

Annodiamo i fili e nascondiamoli all’interno del tubolare.

Come realizzare progetti tricotin con fil di ferro

Per realizzare le scritte a tricotin modellate con il fil di ferro, o le decorazioni rigide da appendere, tagliamo la misura necessaria per concludere il progetto e formiamo un uncino su entrambe le estremità. Così sarà più facile far scorrere il fil di ferro all’interno del tubolare.

Poi lasciamo almeno 3 cm di tubolare “vuoti” all’inizio e alla fine, in previsione delle finiture del progetto.

Per questi progetti possiamo usare del fil di ferro spesso circa 1,5 mm. Però il metallo migliore è il filo di alluminio: infatti è molto più malleabile del fil di ferro. Per questo motivo è più facile da lavorare.

Filo di alluminio

Guida completa al tricotin – video tutorial

bibliografia

Tricotin drôle et rapide: 40 créations en tricotin mode et déco

Tricotin

Mes après-midi tricotin

Bisutería tejida con Tricotín: 15 proyectos paso a paso


Pubblicato da Letizia

Io sono Letizia, una YouTuber creativa, energica e positiva! Sul mio canale "Vivi con Letizia" pubblico tutorial sui maggiori hobby creativi ma puoi trovare video anche su riciclo creativo, decorazione e organizzazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pare che sia attivo un AdBlocker: disabilitalo per usufruire dei contenuti!